BrandMemo Innova et Bella su Facebook Innova et Bella su Twitter

Home >> Facebook Top Newspapers 2014
i-b_linea_img I migliori

Facebook Top Newspapers 2014


I migliori quotidiani su Facebook


Ai primi posti della classifica con rating tripla A due quotidiani statunitensi che rappresentano il riferimento dell’eccellenza per l’intero settore della stampa quotidiana: The New York Times e Usa Today.

Il New York Times conserva il primo posto, come nel 2013 rafforzando la propria ricchezza di contenuti: dalle rubriche dedicate a numerose aree tematiche, alla possibilità di intervento e discussione in conversazioni con blogger e personaggi. Il tutto corredato da una grande offerta di contenuti iconografici che confermano l’eccellente fluidità di consultazione e l’elevato standard qualitativo. Nel 2014 i likers del NY Times registrano un’impennata di 4,5 milioni portandosi a 7,6 milioni in totale, erano 3,1 milioni nel 2013.

In seconda posizione, sempre con rating AAA, troviamo la testata USA Today che scala la classifica dal quattordicesimo posto dello scorso anno. USA Today è la rivelazione del 2014, non solo per l’aumento della circulation totale, 2,9 milioni nel 2014 (erano 1,7 milioni nel 2013), ma anche in termini qualitativi, dimostrando una speciale attenzione per l’opinione dei likers, a cui dedica un’intera sezione. Il quotidiano interagisce direttamente con il pubblico mediando le conversazioni e rispondendo direttamente ai commenti dei post.

Segue, al terzo posto, il giornale spagnolo El País con rating AA che scala la classifica dalla nona posizione del 2013. Anche El País conferma il trend della crescita esponenziale di likers nel 2014 con un incremento di quasi 1 milione rispetto all’anno precedente. El País si distingue per la ricca sezione dedicata all’interazione con operatori e giornalisti, con la proposta di pagine e sezioni dedicate a dar voce agli opinionisti e alle tematiche di reportage; la pagina del giornale spagnolo mostra anche una grande integrazione con le altre piattaforme sociali tra cui Twitter e Youtube.

In quarta posizione il quotidiano francese Le Parisien con rating AA. Le Parisien conferma le best practices che lo caratterizzano: intensità di coinvolgimento con il lettore attraverso servizi, domande e risposte dirette ai commenti dei lettori nei post; alta valorizzazione delle relazioni con i likers grazie all’offerta di giochi, concorsi dedicati e diversi contest. Oltre 1,5 milioni i likers nel 2014, erano circa 800 mila nel 2013.

In quinta posizione il quotidiano economico statunitense The Wall Street Journal apre la serie dei quotidiani con rating A. Un incremento dei likers da 900 mila a oltre 2,7 milioni nel 2014 conferma l’incremento qualitativo dei contenuti della sua pagina Facebook. Il WSJ punta la sua strategia sociale sulla valorizzazione della conversazione con il lettore: coinvolgimento dei likers con la pubblicazione delle opinioni di volta in volta richieste nelle sezioni tematiche e sul blog del giornale. Numerosi i questionari e gli inviti ad esprimere pareri su diversi argomenti oltre all’innalzamento della qualità dei contenuti iconografici.

Il Los Angeles Times in sesta posizione conserva l’elevato livello qualitativo delle proprie aree tematiche e l’integrazione con altri canali media. Anche per il Los Angeles Times si registra un incremento significativo di likers che passano dai 500 mila del 2013 a 1,3 milioni nel 2014.

Al settimo posto troviamo il quotidiano di Jeff Bezos, il fondatore di Amazon, The Washington Post, anch’esso con rating A. Il giornale si rivela competitivo nel coinvolgere tutti i portatori di interesse, in particolare i giornalisti, e nell’integrare altre piattaforme sociali tra cui Pinterest e Instagram. I likers nel 2014 sfiorano i 2,5 milioni, erano 654 mila nel 2013.

In ottava posizione il quotidiano britannico The Guardian con rating A. Il quotidiano segna un notevole incremento dei likers che passano da 659 mila nel 2013 a oltre 3,1 milioni nel 2014. L’alto livello di interazione con i likers, ad esempio nella sezione dedicata Top Fan, riconferma l’importanza per il quotidiano di instaurare una relazione profonda e diretta con i propri sostenitori.

Nona posizione e rating A per il francese Le Figaro. La pagina del quotidiano riconferma le sue caratteristiche di alto coinvolgimento del lettore mediante l’ampia offerta di sezioni tematiche e contenuti iconografici di qualità. In aumento anche le richieste di opinioni e gli interventi diretti del giornale in risposta ai commenti dei post. Anche quest’anno Le Figaro registra una crescita importante dei propri likers: sono 1,4 milioni nel 2014, erano 600 mila nel 2013.

La testata spagnola Marca, occupa il decimo posto della classifica 2014. Anche per Marca è da segnalare un incremento dei likers di oltre 1,3 milioni nel 2014 (erano oltre 960 mila nel 2013). Punti di forza della testata spagnola sono i “dibattiti” ovvero sezioni in cui il giornale seleziona per i lettori specifici argomenti di discussione; i concorsi e le promozioni; l’integrazione con altre piattaforme sociali tra cui Twitter e Pinterest. Un ulteriore valore aggiunto è dato dalla pagina del giornale in versione Inglese.

In Italia si confermano nei primi 20 posti dell’elite internazionale quattro quotidiani di riferimento: La Stampa, La Repubblica, il Corriere della Sera e Il Fatto Quotidiano.

La Stampa sale al dodicesimo posto della classifica internazionale con una crescita a tre cifre dei propri likers (280%), che raggiungono quota 273 mila, erano 97 mila nel 2013. La sua pagina Facebook compete su standard internazionali grazie all'alto grado di coesione con i propri likers, continuamente chiamati all'engagement positivo, sia sulle pagine tematiche che sulle sezioni dedicate; sulla sua app offre la possibilità di diventare il "lettore del mese".

La Repubblica al diciassettesimo posto della classifica internazionale conferma il primato quantitativo dei likers sulla scena nazionale, con oltre 1,7 milioni di likers (erano 1,2 milioni nel 2013). La sua pagina Facebook coinvolge i likers offrendo spunti e discussioni dedicati, polarizzando opinioni spesso discordi, promuovendo il dialogo nella community con la Repubblica delle Idee.

Il Corriere della Sera al diciannovesimo posto della classifica internazionale entra quest’anno per la prima volta nel club del milione dei likers: 1,3 milioni con una crescita di oltre 500 mila likers rispetto agli 800 mila del 2013. La sua pagina Facebook mantiene il proprio taglio di informazione istituzionale, integrando l'offerta generalista con diverse pagine dedicate ad approfondimenti tematici.

Anche Il Fatto Quotidiano, al ventesimo posto della classifica internazionale, entra quest’anno nel club del milione di likers, salendo a quasi un milione e mezzo dai 960 mila dell’anno scorso. Stellare come da tradizione il rapporto likers per copia diffusa: 32,7 contro 18,1 nel 2013 (per la prima volta superato dal quotidiano britannico The Independent, con 33,7 likers per copia diffusa). Un enorme bacino di potenziali clienti: una ricchezza concreta nel momento in cui il management riuscisse a sviluppare efficaci politiche di conversione.








 

© 2019 - I&B - Privacy